“Basta pippe intimiste, la gente paga un biglietto, non bisogna stroncarla”

Gabriele Mainetti - Il regista: “Nessuno credeva al film: ‘Qui non siamo in America’”
“Basta pippe intimiste, la gente paga un biglietto, non bisogna stroncarla”

Cuore, acciaio e porte in faccia: “Chi non mi riceveva, chi mi guardava con sufficienza, chi mi liquidava con ‘ci sembra una stronzata’, chi diceva: ‘Il cinema di genere è morto’ e chi giurava che a riproporlo si perdessero soltanto soldi. Visto che nessun produttore voleva sostenere il film ho cercato di farlo io mettendoci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.