“Basta definirla migrazione, questa è una vera diaspora”

Lo scrittore messicano, in Italia alla Fiera della media e piccola editoria di Roma, in questo testo inedito spiega perché è il momento di aggiornare il vocabolario
“Basta definirla migrazione, questa è una vera diaspora”

Non c’è una sola frontiera tra il cosiddetto primo mondo e il resto del nostro pianeta in cui non stia accadendo, proprio ora, mentre lei legge queste parole, una tragedia. Una enorme tragedia umanitaria. Prima che lei abbia finito di leggere questo paragrafo, un essere umano, il cui unico peccato è stato nascere lì dove […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.