Basile il cantastorie rompe gli incantesimi

Il cantante catanese riesce a comunicare anche in dialetto le storie di uomini che si danno fuoco per disperazione e di donne che “si fanno tempesta” nella città Dannata
Basile il cantastorie rompe gli incantesimi

In tempi nei quali i generi musicali più gettonati sono rap e neo-cantautorato pop, si suppone che la parola abbia riacquistato la sua centralità. Troppo spesso, invece, a essere cantata è una lingua conformista, adagiata su luoghi comuni che una volta erano figli dell’assuefazione televisiva e oggi sono derivati tossici dello slang da social network. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.