Barelliere iniettava aria nelle vene dei malati per favorire società di pompe funebri amiche

La paga - Per ogni cadavere riceveva 300 euro. La mafia dietro il business
Barelliere iniettava aria nelle vene dei malati per favorire società di pompe funebri amiche

Malati terminali uccisi da un barelliere su un’ambulanza, iniettando loro dell’aria nel sistema sanguigno, e poi i corpi “venduti” per 300 euro a agenzie di onoranze funebri. È l’ipotesi al vaglio della Procura di Catania che ha aperto un’inchiesta per omicidio dopo le rivelazioni di un collaboratore di giustizia, che accusa la mafia locale di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.