“Barcellona non ha voluto proteggere le sue Ramblas”

Agente dei Mossos de Esquadra, la polizia catalana, rivela: “Non era impensabile essere nel mirino dopo gli attacchi in altre città”
“Barcellona non ha voluto proteggere le sue Ramblas”

I quattro superstiti della cellula catalana dei terroristi islamici, ieri, sono apparsi dinanzi al magistrato. Interrogato da un giudice della Audiencia Nacional, Mohamed Houli Chemal ha confermato che il primo obiettivo del gruppo di Ripoll era colpire con una bomba la Sagrada Familia e fare una strage. L’imam Abdelbaki Es Satty voleva immolarsi in questo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.