Barba e capelli alla nuova carta

Rasoi e pettini, lamette e forbici. E poi la Carta costituzionale. Ieri sera in un salone da barbiere di Torino, quello del “figaro” Mimmo Polzella, il servizio offerto ai clienti è stato diverso dal solito. Nessun taglio, nessuna rasatura. Seduti sulle poltroncine c’erano il procuratore di Torino Armando Spataro e l’onorevole Pd Luciano Violante per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.