Baratto e monete alternative: il nuovo mercato della crisi

I siti per gli scambi di oggetti e le transazioni “non convenzionali” sono sempre più diffusi
Baratto e monete alternative: il nuovo mercato della crisi

Era l’aprile 1990 quando la Pepsi Cola annunciò che in cambio di vodka e una decina di navi avrebbe portato sulla tavola dei russi milioni di bibite gassate. A consentire la più grande operazione commerciale tra una compagnia Usa e l’Urss fu un singolare baratto stimato in 3 miliardi di dollari. Il motivo? Dovevano superare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.