Bar, benzinai e ville: sequestrato l’ultimo tesoro dei Graviano

I proventi delle attività servivano per finanziare la famiglia. I capitali iniziali di cugini, cognati, suoceri e una nonna di una ventina di affiliati della cosca non avevano provenienza lecita
Bar, benzinai e ville: sequestrato l’ultimo tesoro dei Graviano

Cinque distributori di benzina con bar tabacchi piazzati nelle vie di accesso a Palermo, appartamenti, terreni, box, villini e persino un parcheggio annesso all’hotel San Paolo, l’albergo (oggi confiscato) con uno spettacolare ascensore esterno con vista mare, che ha ospitato per anni la madre e la sorella dei fratelli Graviano in una delle sue suite: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.