» Politica
mercoledì 27/09/2017

Banche, passa l’ordine del giorno contro Boschi padre. Ma rischia di restare lettera morta

Palazzo Madama ha approvato un testo che impegna l’esecutivo a varare “tempestivamente” una normativa sulla responsabilità dei manager degli istituti finiti male. Ma è meno ultimativo dell'emendamento al decreto su Veneto Banca e Pop Vicenza

Interdizione perpetua per i manager delle banche ritenuti responsabili di fallimenti o risoluzioni, sanzioni più dure, posticipo del termine previsto per il “ristoro” dei risparmiatori tosati nei crac di questi anni: il Senato ieri ha votato un ordine del giorno unitario proposto dal governo (autore il sottosegretario al Tesoro, Pier Paolo Baretta) e firmato da tutti i capigruppo con 196 sì e nessun contrario.

Il testo impegna l’esecutivo a varare “tempestivamente” una normativa sulla responsabilità dei manager di banche finite male. Ma l’impegno verrà effettivamente mantenuto? La legislatura è agli sgoccioli e il sospetto che non se ne faccia nulla è forte, dati i precedenti: le norme, per dire, riguarderebbero anche Pier Luigi Boschi, padre della sottosegretaria Maria Elena Boschi, per il fallimento di Pop Etruria. E poi alcune delle disposizioni auspicate dall’ordine del giorno (un atto d’indirizzo politico), a partire dai risarcimenti ai risparmiatori, richiederebbero un confronto con la Commissione Ue dagli esiti incerti. E ancora: In quale provvedimento verrà inserita la normativa? “Non abbiamo ancora deciso”, ammette Baretta. Si parla della legge di Bilancio o della cosiddetta “comunitaria”, ma sulla stangata per i manager che hanno affondato le banche non c’è certezza.

Nel decreto sulle banche venete, a luglio, era stato prima recepito e poi bloccato un emendamento presentato da Bersani e Zoggia al quale il ministro Padoan aveva dato parere favorevole. Il testo prevedeva in sostanza che, laddove il giudice accettasse l’azione di responsabilità contro gli amministratori di una banca in crici, “condanna sempre questi ultimi all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, all’interdizione perpetua dall’esercizio delle professioni, dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese e l’incapacità di contrattare con la P.A.”.

L’ordine del giorno è un po’ meno ultimativo: “Sia resa più agevole la facoltà di attivare le pene accessorie, con particolare riferimento all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, dall’esercizio delle professioni, dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese ovvero a stabilire l’incapacità di contrattare con la P.A.”.

A luglio, su impulso di Andrea Augello e Gaetano Quagliariello (Idea), le opposizioni presentarono delle mozioni. Il voto in Aula era inizialmente previsto per la settimana scorsa. Visto il rischio concreto che fossero approvate, il voto è stato rimandato e Baretta ieri mattina si è presentato con un testo unitario. Augello ha rivendicato il merito “di essere stati i primi, a credere di poter ancora salvare i rimborsi per gli obbligazionisti rimasti esclusi dal decreto salvabanche e inasprire le sanzioni contro i banchieri responsabili dei fallimenti”.

Oggi, intanto, la Commissione d’inchiesta dovrebbe iniziare a lavorare eleggendo il suo presidente: il più accreditato è Bruno Tabacci. Pier Ferdinando Casini, finora in pole position, continua a rifiutarsi di dimettersi dalla presidenza della commissione Esteri.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Rai: “Un altro anno per il piano news”. Bye-bye Gabanelli

Politica

Consip, la rete di Russo e il finanziatore dem che si becca il maxiappalto Ferrovie

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×