Banche, mutui, truffe e vendette. Al cinema (ma solo all’estero)

In “Desconocido”, dello spagnolo Dani de la Torre, la storia di un bancario reo di pratiche fraudolente e di una vittima che diventa carnefice
Banche, mutui, truffe e vendette. Al cinema (ma solo all’estero)

Gli spagnoli lo fanno meglio: il genere. La isla mínima di Alberto Rodríguez ha recentemente tradotto la drammaturgia thriller in j’accuse sociopolitico, puntando il dito contro il passato (presente) franchista: una specie di True Detective alle foci del Guadalquivir, senza vezzi estetici, ma con rimandi etici. Un altro trionfatore ai Goya, gli Oscar iberici, è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.