Banca Etruria e quel miliardo “regalato” a un pugno di società

La relazione del commissario parla di “incapacità generalizzata a gestire il credito”
Banca Etruria e quel miliardo  “regalato” a un pugno di società

Un funzionario Consob è stato convocato come persona informata sui fatti dal pool di magistrati di Arezzo – guidato dal procuratore capo Roberto Rossi –, titolari dell’inchiesta su Banca Etruria, per accertare se i vertici dell’istituto di credito hanno rispettato le indicazioni dell’organismo di vigilanza nella vendita delle obbligazioni subordinate. Bond ceduti a persone con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.