Ban Ki-moon, una carriera da uomo invisibile

Segretario Onu - Dalla crisi siriana alle accuse ai Caschi Blu, una gestione senza spessore
Ban Ki-moon, una carriera da uomo invisibile

Se fosse un super eroe, sarebbe l’ “uomo invisibile”. Riservato tanto da apparire timido, garbato ai limiti del candore, diplomatico come il ruolo impone. Ma forse anche oltre. Dopo 10 anni come segretario generale delle Nazioni Unite, che ha definito “il privilegio di una vita intera” Ban Ki-moon ha lasciato l’incarico lontano dal clamore. “Ho […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.