Balestrini e D’Amico, quando i giovani almeno ci provavano

Il lato gioioso del ’77 a confronto con le paure e i razzismi di oggi

Di tanto in tanto ci sono libri che sono documenti dimenticati di cui si è perso anche il senso. Quei documenti perduti sono allo stesso tempo autentici e vuoti, prove vere che non provano niente. E anzi contrastano col presente fino alla negazione e allo scontro. Vi assicuro che è una esperienza da fantascienza avere […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.