Bagni e tintarella accanto alla Promenade della Morte

Una giornata d’estate con la solita folla in spiaggia, ma vicino a chi si spalma le creme protettive c’è ancora chi piange e si dispera - Je suis Nice -

Elisabeth abbraccia un uomo, lo stringe per evitare che vada in pezzi per i singhiozzi. Julie si passa la crema sul corpo e si sdraia sul materassino. Tra le due donne – Elisabeth Martin, psicologa che assiste i parenti delle vittime, e Julie Tapin, avvocatessa in vacanza – ci sono venti metri di distanza. A […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.