Baci e attentati, il tempo delle mele sotto Daesh

Parigi - A 16 anni si voleva sposare e far saltare la torre Eiffel, così sarebbe stata moglie di un martire
Baci e attentati, il tempo delle mele sotto Daesh

Si volevamo sposare e poi avrebbero fatto esplodere la Tour Eiffel. Lui sarebbe morto da jihadista. Lei sarebbe diventata la vedova di un uomo “passato alla storia”, un martire come i fratelli Kouachi dell’attentato di Charlie Hebdo, e sarebbe andata a vivere in Siria, come Hayat, la compagna di Coulibaly, il killer del negozio kocher. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.