“Baby Boss”: il secondogenito che mette in riga la DreamWorks

Sulla scia della “fratellanza” di “Shrek”, l’ultimo arrivato firmato da McGrath autore di “Madagascar”, centra il box office e riscopre i cuccioli umani
“Baby Boss”: il secondogenito che mette in riga la DreamWorks

Che bellezza sia (stata) la DreamWorks lo dice fuor d’ogni dubbio il carnet: Kung Fu Panda e, ancor più, Shrek e Madagascar. Addirittura, Shrek 2 nel 2001 concorse per la Palma d’Oro al Festival di Cannes, onore che un’animazione non riceveva dal 1973 (il meraviglioso Il pianeta selvaggio di René Laloux), e sancì una nuova […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.