“Babbo Natale non esiste”. E il maestro perde il posto

“Babbo Natale non esiste”.  E il maestro perde il posto

Tanto tempo fa, alla vigilia di Natale, chiesi al giovane pizzaiolo sotto casa di indossare gli abiti di Babbo Natale, compresa una barba bianca lunga lunga, gli consegnai un sacco di juta, lo riempii di giocattoli e gli chiesi di salire a casa a mezzanotte e bussare forte forte. Mio figlio Stefano aveva 4 anni. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.