Avvocati, lo sciopero “a singhiozzo” è un escamotage

Nei primi Anni 90 ero Procuratore della Repubblica in Ivrea. Nel 1994 (mi pare) ci piombò tra capo e collo uno sciopero degli avvocati. La ragione dello sciopero non me la ricordo; ma il casino che ne risultò sì, benissimo. Processi da rinviare, notifiche da rifare, testimoni imbestialiti, calendari di udienza ingestibili; un incubo. All’epoca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.