» Commenti
lunedì 26/06/2017

Avvocati, lo sciopero “a singhiozzo” è un escamotage

Nei primi Anni 90 ero Procuratore della Repubblica in Ivrea. Nel 1994 (mi pare) ci piombò tra capo e collo uno sciopero degli avvocati. La ragione dello sciopero non me la ricordo; ma il casino che ne risultò sì, benissimo. Processi da rinviare, notifiche da rifare, testimoni imbestialiti, calendari di udienza ingestibili; un incubo. All’epoca […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

Italia

L’amore per le nostre città perduto in una fredda luce led

Commenti

Dalla democrazia alla cachistocrazia

di
Commenti

Mail box

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×