Avviso a Di Maio: i migranti non sono “taxi”

Caro Vicepres. Di Maio, ho scritto spesso che lei – come altri 5S – è oggetto di un vero mitragliamento mediatico: un suo congiuntivo sbagliato fa più notizia di una riforma sbagliata. Esiste ormai una branca del giornalismo nostrano specializzata in pagliuzze grilline e insensibile a travi, interi parquet, boschi di sequoie degli altri. Con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.