Ave Matteo, il vero obiettivo dei fratelli Coen

Confesso che nel tourbillon delle recenti vicende politiche nostrane di alto spessore mi ero un po’ perso, in deficit di comprensione. Come poteva essere ad esempio che Massimo D’Alema si scagliasse contro Renzi (facendogli ovviamente un gran favore) usando per il caudillo toscano proprio la definizione di “arrogante”, lui che ne aveva indossato l’aureola per […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.