Auschwitz, quando il nazista si pente (a 94 anni)

Dopo giorni di silenzio Reinhold Hanning si scusa, per le vittime è troppo tardi
Auschwitz, quando il nazista si pente (a 94 anni)

È stato detto: “L’oblìo del genocidio fa parte del genocidio”. Mai dimenticare. Abbiamo tutti il dovere del ricordo: e ieri, la mostruosità dell’Olocausto è riaffiorata, più agghiacciante che mai, nelle tardive parole di pentimento di un aguzzino nazista di Auschwitz che oggi ha 94 anni, e che è stato accusato – sempre troppo tardi – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.