“Attenti, non si umilia così il poeta Charles Baudelaire”

Nel 1857, l’autore de “I Fiori del male” fu condannato per oltraggio alla morale: “Che cos’è – scrisse – questa regola che mira a creare dei cospiratori anche nell’ordine tranquillo dei sognatori?”
“Attenti, non si umilia così il poeta Charles Baudelaire”

Il Libro deve essere giudicato nel suo insieme, solo così se ne può trarre una terribile moralità. Pertanto non sono soddisfatto di questa singolare indulgenza che incrimina soltanto tredici poesie su cento. Tale indulgenza mi è al contrario molto funesta. È proprio pensando al perfetto insieme del mio libro che dicevo al Signor Giudice d’istruzione: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.