Atlanta, 19 luglio 1996, il round più duro del tremante re tedoforo

La malattia - 20 anni fa, già minato dal Parkinson, accese la fiaccola
Atlanta, 19 luglio 1996, il round più duro del tremante re tedoforo

D’improvviso calò il silenzio al Centennial Olympic Stadium di Atlanta, quella lunghissima e festosa sera del 19 luglio. La cerimonia inaugurale era arrivata al momento più simbolico: l’accensione del tripode olimpico. Era finalmente apparso l’ultimo tedoforo: Muhammad Ali. Una scelta politicamente coraggiosa: Alì non combatteva da 15 anni, ma era diventato l’icona pop della sovversione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.