Assassini da salvare o da condannare nella Firenze del Sessantotto

Assassini da salvare o da condannare nella Firenze del Sessantotto

S’invecchia e i ricordi cominciano a fotterti, perché la testa è sempre più rivolta all’indietro. Oppure, sempre i ricordi, si trasfigurano in una dimensione onirica e reale allo stesso tempo e diventano letteratura, come insegna l’eterno Dostoevskij. Il commissario Franco Bordelli ha cinquantotto anni e gli manca un sospiro per la pensione. Ma una mattina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.