Assange-Snowden, ambigui paladini “amici” di Mosca

Il New York Times - “Per convenienza o coincidenza i documenti pubblicati da Wikileaks hanno spesso avvantaggiato la Russia”
Assange-Snowden, ambigui paladini “amici” di Mosca

In principio, Wikileaks era il tempio della libertà d’informazione, luogo di culto del giornalismo d’assalto mondiale. Anche se Julian Assange, il biondino australiano che ne è il sacerdote, non ci ha mai convinto proprio del tutto, specie dopo aver accettato a Londra l’asilo diplomatico dell’Ecuador non per sottrarsi alla giustizia di un Paese liberticida, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.