» Politica
venerdì 08/12/2017

Bonino, arriva la norma per portare i radicali nella coalizione di centrosinistra

Strategie - Un emendamento alla manovra taglia del 75% le firme necessarie per presentarsi alle Politiche: una richiesta dei Radicali

Tutte le difficoltà in cui si dibatte il Pd in questa fase nascono da una bizzarra scelta di fondo: distruggere la propria coalizione e contemporaneamente proporre una legge elettorale in cui un terzo dei seggi vengono assegnati da collegi uninominali (in cui servono le coalizioni). Accortisi della stranezza, i democratici stanno tentando di costruirsi in fretta qualche alleato, ma la faccenda è complicata: Giuliano Pisapia ha mollato per l’eccessiva inconsistenza del suo stesso progetto (fare il lato sinistro di Renzi mentre c’è una scissione a sinistra); Alfano e i centristi non hanno voti e in sostanza non esistono più. Ora verranno partorite due liste raccogliticce: una centrista (cioè all’ingrosso democristiana), una “laica” coi rimasugli dei rimasugli. Ci saranno ex sindaci arancione, qualche verde, qualche vendoliano, qualche socialista e, visto che nella manovra è stata inserita la norma ad hoc sulle firme, anche i Radicali italiani di Emma Bonino & C (sarebbe la lista “+Europa”).

Ieri sera una delegazione dei “piùeuropeisti” – composta dal sottosegretario Benedetto Della Vedova e dal segretario dei Radiali Riccardo Magi – è stata pure ricevuta da Paolo Gentiloni a Palazzo Chigi: il tema dell’incontro era proprio quello delle troppe firme da raccogliere (oggi 750 in ognuno dei 63 collegi plurinominali in cui si vuole presentare una lista). “Abbiamo ribadito al presidente del Consiglio la questione di rendere praticabile un campo che oggi è impraticabile, quello della partecipazione alle elezioni”, ha dichiarato alla fine Della Vedova. Quanto all’accordo col Pd, “al momento non è in programma alcun incontro: La condizione per ogni decisione è che il campo delle elezioni sia praticabile”. In sostanza, prima vedere cammello.

E il cammello, per così dire, è in arrivo. Ieri i democratici hanno presentato un emendamento a prima firma Alan Ferrari che fa scendere le firme da raccogliere per singolo collegio a 375, obiettivo abbordabile e che soddisfa la costituenda lista radicale più altri sparsi. Sempre Della Vedova: “C’è stata una iniziativa del Parlamento in questo senso. La via maestra è quella, vediamo cosa accade nei prossimi passaggi”. Comunque prima vedere cammello.

Pure con questa “Rosa nel pugno 2.0” da una parte e i democristiani che metterà insieme da Pier Ferdinando Casini dall’altra non proprio un’invincibile armata. Quel che pare pensare anche Romano Prodi, che ieri mattina a Roma ha lanciato due o tre granate in direzione Nazareno: “Non tutte le frittate finiscono col venir bene… Quella di Pisapia non è stata una defezione, perché non aveva deciso: ha studiato il campo e poi ha concluso che non era cosa”. Il Professore sembra guardare al futuro, ma forse non al 2018: “Il processo va avanti. Si tenterà di nuovo perché è un processo importante ed utile al Paese. Pisapia ha esplorato e non ha trovato in se stesso o nel gruppo di riferimento motivazioni per andare avanti. E questo mi dispiace”. E quindi? “Il problema – secondo Prodi – è che bisognerebbe ricominciare da capo. Io a suo tempo non ho inventato granché, ma c’era un disegno preciso di mettere insieme forze e contenuti. Mi criticarono per il programma di 400 pagine, ma quello di 140 caratteri non è molto più soddisfacente. Un programma politico può anche essere di sei volumi. Ma con una coalizione ampia si deve scrivere. È realismo”. Parole che l’accenno a Twitter garantiscono rivolte a Renzi: un progetto politico non si costruisce così.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

I Bonnie & Clyde dell’Euro a 5 Stelle

Laura Castelli è ritenuta l’esperta di economia tra i parlamentari 5 Stelle e la sua performance nella puntata di Otto e Mezzo di mercoledì sera è già storia. Alla deputata grillina premeva stabilire un principio: sull’euro si deciderà con un referendum. A quel punto la conduttrice Lilli Gruber le fa notare che il nostro ordinamento non prevede la possibilità di indire referendum sui trattati europei. Castelli inarca le sopracciglia, si prende un secondo, elabora la supercazzola: “La politica in 5 anni mi ha insegnato che non è vero che certe cose non si possono fare, si trova sempre il modo”. Sfortunatamente, la questione non si chiude lì. Gruber le chiede come intenderebbe votare al suddetto referendum. Castelli sorride: “Eheh, il voto è segreto”. Dopo qualche minuto, Gruber torna alla carica. Castelli è disarmata: “Non so cosa voterei”. Sul tema insomma i Cinque Stelle hanno le idee chiare. Sulla Stampa si è esibito anche il candidato premier Luigi Di Maio: “In Europa c’è una guerra sociale in corso”, ma “l’Ue può essere la strada per risolvera”. E il referendum sull’euro è la “pistola sul tavolo” per trattare? “Questo è chiaro”, dice Luigi. La strada per la pace (sociale) si prende grazie alla pistola del referendum su cui però non si sa cosa si voterà. E poi c’è chi propone di limitare i controlli sulle armi.

Politica

Lupi sta con Silvio, Lorenzin da Renzi: in Ap è liberi tutti

Politica

Nel Pd nessuno vuole candidarsi nei collegi

Per levare acqua alle “paranze” non solo repressione ma scuole
Politica
Minori e criminalità

Per levare acqua alle “paranze” non solo repressione ma scuole

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×