“Arrestate Minoli”. Anzi no, è molto meglio archiviarlo

La Gdf lo ha pedinato, perquisito e temeva la fuga all’estero. Ora il nuovo pm vorrebbe chiudere tutto: “Nessun illecito”
“Arrestate Minoli”. Anzi no, è molto  meglio archiviarlo

Giovanni Minoli è stato indagato per accuse gravissime, intercettato, pedinato e perquisito. Nell’ottobre 2013, la Guardia di Finanza aveva suggerito il suo arresto per evitare che inquinasse le prove e che fuggisse all’estero. Poi aveva proposto di sequestrare 10,5 milioni di euro a lui e 2 alla Regione Sicilia. Infine, nel giugno 2014, gli aveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.