Armi nascoste dentro ai muri. “È l’arsenale delle cosche calabresi”

Armi nascoste dentro ai muri. “È l’arsenale delle cosche calabresi”

La santabarbara stava nascosta nei muri di cartongesso. Quattordici pistole, un fucile a canne mozze, oltre mille proiettili, un mirino telescopico e un silenziatore. Nessun dubbio da parte dell’autorità giudiziaria: “Questo è un arsenale della ‘ndrangheta”. Dodici pistole, poi, stavano dentro ad altrettanti marsupi corredati da caricatore munizioni. Insomma pronte all’uso. L’incredibile scoperta è avvenuta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.