Armela e gli altri, bersagli perché giovani e sorridenti

Nove morti, otto fra i 13 e i 21 anni. Come il carnefice condividevano radici straniere, balcaniche e turche; il centro commerciale era il loro punto di ritrovo

Un killer di 18 anni per una strage di coetanei; nove vittime (27 feriti di cui 10 gravi), di cui otto fra i 13 e i 21 anni (due ragazzine e sei giovani). Solo l’ultima, una donna, aveva 45 anni. Per la polizia, non è stato un caso. “Ha 14 anni ed è alta un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.