Arcipelago Donald, un voto per cacciare via le paure

Lo studente-lavoratore, la proprietaria terriera, il docente universitario attratti dalla politica isolazionista promessa dal tycoon per tornare a essere grandi
Arcipelago Donald, un voto per cacciare via le paure

Ross ha vent’anni, un figlio di otto mesi e per mantenersi agli studi lavora presso un distributore di benzina in questo paese perso nell’Ohio profondo dove la maggior parte dei 3200 abitanti coltiva mais. “Non avevo pianificato di avere un figlio così presto, è stato un incidente, ma la mia ragazza l’ha voluto tenere e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.