Archi, mezza squadra col Daspo. E il capitano arrestato per violenza

La compagine reggina di uno dei quartieri a maggiore impatto della ’ndrangheta, rischia il campionato
Archi, mezza squadra col Daspo. E il capitano arrestato per violenza

“E dài Tegano facci un goal”. “Noi gli sbirri non li vogliamo”. “Chi non salta è un celerino”. In un video pubblicato su Facebook qualche settimana fa, sono immortalati i cori dei giocatori dell’Archi Calcio, la squadra reggina che milita in prima categoria e che, tra i suoi calciatori, vanta anche alcuni rampolli della cosca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.