“Antipatico e incapace di stare al mondo Sono Gabriele Lavia”

Testimonianze, fotografie e ricordi del “prim’attore” per eccellenza, colui che già a tre anni scelse il palcoscenico. Un “perfezionista esasperante” che però, alla fine, “ha sempre ragione”
“Antipatico e incapace di stare al mondo Sono Gabriele Lavia”

I grandi sognano di diventare grandi già da bambini: aveva tre anni Gabriele Lavia quando iniziò a coltivare “il desiderio inconfessato di fare teatro… Una compagnia amatoriale veniva a provare a casa nostra a Catania e io li osservavo da un angolo del salone”. Così è iniziata la sua vita nell’arte, ora ricostruita per immagini […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.