Antinori: “Dopo quell’intervento l’infermiera chiese l’assunzione”

Antinori: “Dopo quell’intervento l’infermiera chiese l’assunzione”

La donna che ha denunciato una “rapina” di ovuli che ha portato venerdì agli arresti domiciliari Severino Antinori firmò, secondo la difesa del medico, un modulo di adesione al programma di ovulodonazione, poi un consenso informato, “dopo aver avuto il supporto di uno psicologo che ne attestò la consapevolezza della scelta e la mancanza di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.