Antimafia in macerie. Le icone cadute in Sicilia e Calabria

Dagli industriali a “Gerbera gialla”. Il caso Helg , soldi e scandali a San Luca e ora Maniaci Fava: “Restituisca il premio”. Forgione: “Ripartire da Libera”

Dell’Antimafia, ora che la maschera è caduta restano solo macerie. Le grandi illusioni e le generosità tradite da chi predica il verbo della lotta ai poteri mafiosi e razzola malissimo. Personaggi in cerca di visibilità, industriali che cianciano di protocolli di legalità e sviluppo e poi, all’occorrenza, chiedono il pizzo, matrone alla perenne ricerca di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.