Andreotti, Craxi e i suoi cari

Andreotti, Craxi e i suoi cari

Era il novembre 1986, nell’era craxiana dei nani e delle ballerine, Giulio Andreotti chiosò perfidamente, da ministro degli Esteri, una trasferta istituzionale in Cina: “Sono andato con Craxi e i suoi cari”. Una battuta che era attacco politico, anche se entrambi, “Bettino” e “Giulio”, avevano un nemico comune, e cioè Ciriaco De Mita. Il leader […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.