André Chénier e lo sfacciato non detto, un oblio nella coscienza collettiva

L’opera di Umberto Giordano per la Prima della Scala a Milano rievoca la Rivoluzione francese tra statue e teste mozzate

Non si può che amare di disperato – e ricambiato – amore Maddalena di Coigny ma l’André Chénier, l’opera di Umberto Giordano che inaugura la stagione del Teatro alla Scala di Milano, non è un qualunque titolo del repertorio classico. L’opera, composta nel 1896, sollevata dagli obblighi ideologici – su libretto di Luigi Illica – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.