Anche Lorenzin vuole la censura (e usa Google)

Il ministero della Salute collabora con la multinazionale per decidere cosa va letto
Anche Lorenzin vuole la censura (e usa Google)

È un eterno ritorno: basta che il termine fake news (come cyberbullismo) manchi dalle pagine dei quotidiani e dalle home page dei siti per un po’, per risvegliare in qualcuno al governo il bisogno di riproporlo insieme ad una proposta al limite della censura. E infatti, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in un’intervista rilasciata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.