Anatomia di un crac la peste di Vicenza

Il disastro della Popolare ha travolto un sistema operoso ma incapace di cogliere i segnali d’allarme. Una storia italiana, fatta di grandeur locale e assenza di autocritica

“A Vicenza c’era un oggettivo sistema di potere che non si poteva mettere in discussione… Andava bene il fatto che vi fosse commistione politica, d’impresa, delle associazioni, delle istituzioni, mediatica, dei giornali, di tutto”. Jacopo Bulgarini d’Elci, vicesindaco e grande sconfitto delle recenti primarie del Pd per le Comunali di primavera vinte dall’outsider Otello Dalla Rosa, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.