Anas-Ferrovie, breve manuale per un monopolista perfetto

Punti fondamentali: mai parlare di “sussidi”, ma solo di corrispettivi Ridurre i danni delle gare, presentare conti in ordine nascondendo il peso dei contributi dello Stato
Anas-Ferrovie, breve manuale per un monopolista perfetto

Il perfetto manager ferroviario come primo dovere avrà quello di coltivare gratitudine (un nobile sentimento) per i politici cui, direttamente o per interposta persona, deve il posto. Poi non userà mai, per nessuna ragione, la parola “sussidio”, anche se la sua impresa di sussidi vive (ed è interamente di proprietà dello Stato). Suona male, una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.