Anas, Gianni Armani figlio e non vittima della partitocrazia

Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha messo alla porta il capo dell’Anas Gianni Armani in modo brutale. I cerimonieri del potere all’italiana hanno visto calpestata la loro prima regola: sii come Gianni Letta, delizioso quando ti vedono, spietato a porte chiuse. Ma non è stata offesa solo la forma, anche la sostanza: pare che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.