Amnesty: “Manganellate e umiliazioni sessuali”

Come Abu Ghraib. Per l’organizzazione non governativa “la polizia ha usato violenze molto gravi su alcuni migranti”. Il Viminale: “Falso”
Amnesty: “Manganellate e umiliazioni sessuali”

Manganellate, pugni, calci, scosse elettriche persino i testicoli seviziati con una pinza per indurre i migranti a rilasciare le impronte digitali: nelle 56 pagine di “Hotspot Italia”, il rapporto reso noto da ieri da Amnesty International, c’è il racconto degli orrori denunciati da 24 rifugiati su 174 intervistati quest’anno e compiuti, secondo le denunce, da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.