Amicizia italo-libica atto II, fiducia a perdere

Senza testa - L’intesa sui migranti firmata con il premier Serraj bocciata dalla Corte d’appello di Tripoli
Amicizia italo-libica atto II, fiducia a perdere

Non è ben definito il numero delle carceri per migranti sparse in Libia e neanche il numero dei migranti detenuti. Non è facile far di conto tra i centri di detenzione di gheddafiana memoria e le strutture di recente inaugurazione aperte su iniziativa di milizie private. Negli ultimi due anni alcuni gruppi armati lungo la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.