Altro che monete del Califfo, a Raqqa le multe si devono pagare in dollari

Stato Islamico - Il dinar era un paravento, il sistema è fondato sui biglietti verdi
Altro che monete del Califfo, a Raqqa le multe si devono pagare in dollari

Avevano definito il “sistema finanziario capitalista dell’America” una forma di schiavitù e, coerentemente, nei territori occupati, i miliziani dell’Isis, su indicazione del califfo al-Baghdadi, avevano deciso di battere moneta creando il “dinar”. Un dinar equivaleva a 139 euro. Sembrava l’ultimo schiaffo, di grosso impatto simbolico, al potere americano, in particolare, e occidentale, in generale. Ma […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.