Altro che liberismo, serve una rivoluzione “liberale”

Con la fine della rapida crescita del reddito che ha trainato il welfare, lo Stato deve spingere l’innovazione tecnologica per tutelare davvero il lavoro
Altro che liberismo, serve una rivoluzione “liberale”

La Rivoluzione industriale, che è stata strettamente correlata all’apertura dei mercati e all’avvento di regimi democratici, in Italia è arrivata non solo in ritardo, ma anche con scarsi contenuti di innovazione “autoctona”: anche il nostro decollo industriale avvenuto dopo la seconda guerra mondiale si è basato sulla produzione di massa di prodotti sviluppati altrove (automobili, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.