Altri “furbetti del cartellino”: 33 indagati a Biella

Altri “furbetti del cartellino”: 33 indagati a Biella

C’era quello che lasciava l’ufficio per concedersi una partitina alle slot machine, quello che sbrigava una commissione, quello che praticava sport. Sono in tutto 33 gli impiegati del Comune di Biella finiti sotto inchiesta con l’accusa di avere allungato la lista dei “furbetti del cartellino” annidati nei vari uffici pubblici italiani. Per otto è addirittura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.