Almaviva, di nuovo posti a rischio. I sindacati: “Verso la bad company”

Per i 3300 lavoratori di Palermo a giugno finirà la cassa integrazione. L’azienda vuole creare una nuova società

È nella sede di Palermo il nuovo fronte caldo di Almaviva, la multinazionale italiana dei call center. Nel sito siciliano scadranno tra due mesi gli ammortizzatori sociali per 3.300 addetti e inoltre, sempre nei prossimi mesi si esauriranno cinque commesse cruciali oggi gestite a Palermo, quelle ricevute da Tim, Wind, Sky, Alitalia e Trenitalia. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.