Allahu Akbar, premiata ditta attentatori fai da te

In Iraq e Siria Daesh perde terreno, in Europa si affida al fanatico di turno per gioire: come a Londra, Bruxelles, Barcellona
Allahu Akbar, premiata ditta attentatori fai da te

Sono le 20.35 (ora di Londra) di venerdì. Un ragazzo, 26 anni, accosta la sua auto a quella di due agenti all’esterno di Buckingham Palace. In macchina ha una spada di un metro. I poliziotti intervengono per arrestarlo, lui grida Allahu Akbar, li ferisce lievemente, poi viene portato via e interrogato. Un’ora prima, nel centro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.