Alla faccia delle Bucoliche, ora arriva anche l’inceneritore

Ex Burgo - Rilevata da Pro Gest, la riapertura è criticata dai comitati Il rischio emissioni nella città del cibo, dell’agricoltura e di Virgilio
Alla faccia delle Bucoliche, ora arriva anche l’inceneritore

Si bruciano rifiuti e si produce energia elettrica. Il binomio parrebbe solido. In realtà attorno all’inceneritore delle ex cartiere Burgo di Mantova, il dibattito, oltreché serrato è aperto. Inceneritore che ancora non c’è, ma la Pro Gest, la ditta della famiglia Zago che nel 2014 ha acquistato l’impianto, attraverso le Cartiere Villa Lagarina spa, assicura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.