Alfano in visita agli “amici di Tripoli” col timore che il voto riporti il caos

Alleato incerto - Confermata la reciproca utilità, ma il problema è la stabilità
Alfano in visita agli “amici di Tripoli” col timore che il voto riporti il caos

Mentre l’apertura d’un corridoio umanitario per migranti tra Libia e Italia dà concretezza all’intento di “combattere l’illegalità per costruire la legalità” – parole del ministro dell’Interno Marco Minniti -, il ministro degli Esteri Angelino Alfano va a Tripoli per confermare l’appoggio al premier libico Fayez al-Sarraj, l’interlocutore politico libico privilegiato dal governo italiano – e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.