Alfano e Micciché Dioscuri dell’era di B. spersi nell’ampio deserto della politica

I due vorrebbero riconquistare il governo della Sicilia e riproporre lo storico 61 a 0. È la congrega dai traditori

Cristo s’è fermato a Eboli ma Giuda è scivolato giù, a Palermo. Angelino Alfano e Gianfranco Micciché tornano insieme e sognano il governo di Sicilia. I due, già Dioscuri del berlusconismo, spersi nel deserto della politica s’incamminano verso il miraggio: il 61 a zero. È il festoso risultato con cui Silvio Berlusconi, nel 1994, vinse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.